Chaetodon plebeius

Famiglia : Chaetodontidae

PEPPINO.gif
Testo © Giuseppe Mazza

 

multi

Il Chaetodon plebeius è comune nei reef del Pacifico e della parte orientale dell'Indiano © Mazza

Il Pesce farfalla dalla macchia blu (Chaetodon plebeius Cuvier, 1831) appartiene alla classe degli Actinopterygii, i pesci con le pinne raggiate, all’ordine dei Perciformes ed alla famiglia dei Chaetodontidae.

Il nome del genere viene dal greco “chaite” = capelli e “odous” = dente, per i “denti a forma di setole”.

Il nome della specie “plebeius” vuol dire in latino “plebeo”: quella parte del popolo romano, contrapposta al patriziato, che non godeva di tutti i diritti e aveva umili incombenze. Forse gli è stato assegnato perché è molto comune, per la taglia modesta e l’abitudine che ha di ripulire dai parassiti gli altri pesci.

Zoogeografia

Lo troviamo principalmente nelle acque tropicali dell’Oceano Pacifico, ma anche in alcune aree dell’Oceano Indiano, per esempio alle Maldive, nello Sri Lanka ed in Tailandia.
Di casa in Australia, Indonesia, Nuova Guinea, Nuova Caledonia, Filippine, Cina e Taiwan fino al sud del Giappone. Ad est raggiunge le isole Fiji e le Tonga, a sud l’Isola di Norfolk, l’Isola di Lord Howe e l’Isola di Pasqua.

Ecologia-Habitat

Vive in acque basse e lungo i bordi dei reef, fra le madrepore ricche di ramificazioni e nascondigli, fino a 10 m di profondità.

Morfofisiologia

Il Pesce farfalla dalla macchia blu può raggiungere i 15 cm, ma in genere è più piccolo. Il corpo è piatto, più o meno ovale, col muso leggermente appuntito. La pinna dorsale reca 13-15 raggi spinosi e 16-18 molli; l’anale ha 4-5 raggi spinosi e 36-41 molli; le ventrali e le pettorali sono inermi; la caudale è più o meno troncata.

Il colore d’insieme è il giallo, con striature longitudinali ed una caratteristica macchia azzurra allungata nella parte superiore del corpo.

Si nutre prevalentemente di polipi di Pocillopora damicornis, ma anche d'ectoparassiti © Giuseppe Mazza

Si nutre prevalentemente di polipi di Pocillopora damicornis, ma anche d'ectoparassiti © Giuseppe Mazza

Vi è poi una macchia nera sul peduncolo caudale, orlata di un azzurro più chiaro, come quello affiancante la banda nera verticale che nasconde l’occhio del chetodonte.

Etologia-Biologia Riproduttiva

L’alimentazione è carnivora, con una dieta basata sui polipi della Pocillopora damicornis, ma anche su altri cnidari e piccoli organismi, per esempio gli ectoparassiti che preleva spesso, come il Labroides dimidiatus, sugli altri pesci. Vive solitario o in coppia, specie durante il periodo riproduttivo. Dopo la fecondazione le uova vengono affidate alle correnti.

Le popolazioni possono raddoppiare in meno di 15 mesi e, commercio acquariologico a parte, non è perseguitato dall’uomo perché non riveste alcun valore alimentare. È vero che il continuo riscaldamento climatico, distruggendo i coralli, potrebbe essere un serio elemento di rischio, ma la Pocillopora damicornis si è rivelata una delle madrepore più resistenti e quindi, anche oggi, l’indice di vulnerabilità della specie è bassissimo: 13 su 100.

Sinonimi

Chaetodon cordiformis Thiollière, 1857; Megaprotodon maculiceps Ogilby, 1910; Megaprotodon plebeius Cuvier, 1831.

 

→ Per nozioni generali sui pesci vedere qui.

→ Per apprezzare la biodiversità degli Osteichthyes, i PESCI OSSEI, e trovare altre specie, cliccare qui.