Origini, geografia e vita culturale del Principato di Monaco
 

Panoramiche e foto giganti visionabili a 3 livelli d’ingrandimento

© Dr. Giuseppe Mazza

 

Vietata la riproduzione anche parziale delle foto senza il permesso scritto dell’autore

 

Storia Monaco Principato

Le Prince Honoré II – Archives du Palais Princier de Monaco – Photo G.Luci

Il Principato di Monaco è il luogo dove è nata ed ha sede Monaco Nature Encyclopedia.

Monaco è un piccolo punto sulle carte geografiche, ma la sua fama e la notorietà vanno ben oltre i suoi confini. Come infatti diceva un ambasciatore veneziano a un collega che ironizzava sulla piccola taglia del suo stato,

I paesi non si misurano, ma si pesano e fin dall’antichità la Rocca di Monaco ha avuto un peso importante per la sua posizione strategica.

Storia Monaco Principato

Le Prince Honoré IV – Archives du Palais Princier de Monaco – Photo G.Luci

Cinque secoli prima dell’era cristiana, era infatti nota ai greci, con l’isola d’Elba, Ventimiglia, Marsiglia e Narbonne, per il porto al riparo dai venti, tappa d’obbligo nei viaggi verso la penisola iberica, ed Ecateo di Mileto, geografo e storico dell’epoca, parla nella sua Periegesis di una Monoïkon poilis Ligustiké, cioè di Monaco, città della Liguria, dove c’era anche un tempio dedicato ad Ercole, che diede poi origine all’antico nome romano di Portus Herculis Monoici.

A partire dal 1297, la storia di Monaco s’intreccia con quella della Famiglia Grimaldi di Genova.

In seguito ad una battaglia persa dai Guelfi, Francesco Grimaldi, detto Malizia, in fuga con la sua nave verso la Provenza, riesce infatti a sottrarre ai Ghibellini la Rocca di Monaco, presa con la spada nella notte dell’ 8 gennaio, dopo aver ingannato il posto di guardia nelle vesti di un monaco francescano in cerca d’asilo.

Storia Monaco Principato

Le Prince Honoré V – Archives du Palais Princier de Monaco – Photo G.Luci

Da allora, con alterne vicende e vari assedi, i Grimaldi vivranno sulla Rocca con una politica estera altalenante, mettendo in concorrenza, senza concedere, i potenti vicini che ambivano al porto.

Storia Monaco Principato

Le Prince Florestan I – Archives du Palais Princier de Monaco – Photo G.Luci

Così, per proteggere l’indipendenza del loro fragile stato, li troviamo ora alleati della Provenza, ora della Savoia, di Genova, o della Francia, tradita con la Spagna per 116 anni, e poi definitivamente assunta a garante dell’autonomia e della difesa del Principato col trattato di Péronne, firmato dal Principe Honoré II il 14 settembre del 1641.

Con la rivoluzione francese Monaco è occupata dalla Francia, e viene annessa, dal 1793 al 1814, al dipartimento delle Alpi Marittime, col nome meno clericale di Forte d’Ercole. Quando tornano i Grimaldi il Palazzo è stato saccheggiato e le casse sono vuote.

Il Principe Honoré V cerca di raddrizzare l’economia con piccole attività industriali e artigianali, e dà il monopolio del grano e della farina a concessionari senza scrupoli che semineranno il malcontento nella popolazione.

Il suo successore, il Principe Florestan I, abolisce il monopolio, ma ormai è troppo tardi.

Storia Monaco Principato

Le Prince Charles III – Archives du Palais Princier de Monaco – Photo G.Luci

Con plebisciti orchestrati dai Savoia e dalla Francia Roquebrune e Mentone, che facevano parte del Principato, passano alla Francia, e il Principe Charles III, che succede al trono, si ritrova con un territorio ridotto di nove decimi e appena 1.143 abitanti.

Storia Monaco Principato

Le Prince Albert I – Archives du Palais Princier de Monaco – Photo G.Luci

In cambio, rinunciando formalmente ai suoi diritti, ottiene da Napoleone III quattro milioni di franchi, una strada carrozzabile Nizza-Monaco, e la ferrovia Nizza-Monaco-Genova che permette ai ricchi turisti europei di raggiungere facilmente il nuovo quartiere di Montecarlo, nato a tempo di record, con ville, giardini e un Casinò sul plateau des Spélugues dove prima c’erano solo sterpaglie e, come suggerisce il nome, qualche grotta usata dai pastori. Montecarlo diventa in breve sinonimo d’eleganza, feste, spettacoli, incontri culturali e sportivi. Le imposte dirette vengono soppresse. Il principe batte monete d’oro, ed può emettere i primi francobolli.

La storia recente è a tutti nota, con le straordinarie ricerche geografiche e scoperte scientifiche del Principe Albert I, per non parlare dello sviluppo culturale, economico e sociale continuato dal Principe Louis II, che crea fra l’altro la stazione di Radio Montecarlo e il Gran premio automobilistico di Monaco.

Alla sua morte, nel 1949, succede il Principe Rainier III. Ha appena 26 anni, e il suo lungo regno sarà uno dei più importanti della storia di Monaco.

Storia Monaco Principato

Le Prince Louis II – Archives du Palais Princier de Monaco – Photo G.Luci

Detto anche il Principe costruttore riesce a ingrandire di un quinto il Principato con le terre sottratte al mare.

Storia Monaco Principato

Le Prince Rainier III – Archives du Palais Princier de Monaco – Photo G.Luci

Crea fra l’altro la spiaggia del Larvotto, il moderno quartiere di Fontvieille, la diga galleggiante che permette l’attracco delle grandi navi da crociera, e tutta una serie di edifici destinati a spettacoli, congressi e incontri internazionali, come il recente Grimaldi Forum.

Monaco aderisce a tutti i grandi organismi internazionali, e accanto al turismo e all’attività alberghiera si sviluppano, in maniera impressionante, le attività bancarie e l’edilizia.

Al suo fianco, l’indimenticabile Principessa Grace farà conoscere oltre oceano il Principato col matrimonio del secolo. Quasi come un ministro degli esteri

contribuisce con carisma e fascino all’immagine del Principato, assistendo il marito nelle decisioni difficili, senza trascurare le opere di beneficenza e umanitarie, e il suo ruolo di mamma.

Salito al trono il 6 aprile 2005, Sua Altezza il Principe Albert II continua sulle orme del padre, affiancato fin dal 1984 nella gestione degli affari di stato. Come il suo bisnonno, il Principe Alberto I, mostra un sincero interesse per la natura.

Storia Monaco Principato

S.A.S. le Prince Albert II – Archives du Palais Princier de Monaco – Photo G.Luci

Si è recato personalmente a Polo Nord e al Polo Sud, per toccare con mano i degradi legati all’aumento delle temperature e all’inquinamento globale, ed ai tropici per foreste e specie in pericolo, senza trascurare le missioni umanitarie.

Nel 2006 ha creato a questo proposito la Fondazione Prince Albert II de Monaco che agisce per la protezione della biodiversità, e i problemi legati ai cambiamenti climatici ed alla mancanza d’acqua.

Nelle foto che seguono, accanto alla geografia del Principato, scoprirete vari aspetti della vita monegasca, del suo patrimonio culturale, artistico e storico. Si tratta spesso di panoramiche insolite, che abbracciano oltre 180°, ottenute mettendo insieme al computer numerosi scatti.

Questa lunga pagina, che conta già oggi oltre 300 immagini, non è finita e viene costantemente aggiornata. Vedrete fra non molto le immagini della titanica espansione in mare del Larvotto.

La geografia di Monaco è in continuo rapido mutamento e potrete seguirla accanto alla crescita di questa nostra enciclopedia sulla natura.

In fondo abbiamo lasciato uno spazio anche per le cartoline della “Belle Époque”.

Inno Monegasco suonato dalla Fanfara dei Carabinieri del Principe

 

Inno Monegasco suonato dall’Orchestra Filarmonica di Monte-Carlo diretta da Marek Janowski

 

error: Content is protected !!