Manta alfredi

Famiglia : Myliobatidae


Testo © Sebastiano Guido

 

La Manta alfredi è presente, generalmente a poca distanza dalle coste, in tutte le acque tropicali e subtropicali degli oceani Indiano e Pacifico, compreso il Mar Rosso © Giuseppe Mazza

La Manta alfredi è presente, generalmente a poca distanza dalle coste, in tutte le acque tropicali e subtropicali degli oceani Indiano e Pacifico, compreso il Mar Rosso © Giuseppe Mazza

La Manta del reef ( Manta alfredi J. L. G. Krefft, 1868) appartiene alla sottoclasse degli Elasmobranchii, pesci a scheletro cartilagineo, ordine dei Myliobatiformes ed alla famiglia Myliobatidae, caratterizzata da grandi pinne pettorali, simili ad ali a punta aguzza, zona tronco-cefalica ovoidale che emerge nettamente dalle pettorali, una piccola pinna dorsale ed una lunga coda a frusta, sprovvista di pinna caudale ed arricchita, in alcune specie, da un aculeo velenoso.

La larghezza massima registrata tra gli apici delle pettorali è di 5,5 m, quella media sui 4 m © Giuseppe Mazza

La larghezza massima registrata tra gli apici delle pettorali è di 5,5 m, quella media sui 4 m © Giuseppe Mazza

Come accade in quasi tutti i Myliobatiformes le branchie si aprono nella parte ventrale mentre gli spiracoli emergono dorsalmente.

Le pinne pettorali contornano il capo, la membrana nittitante è assente ed il muso è dotato di organi elettrorecettivi.

Il nome del genere corrisponde al latino “manta” (velo) e si riferisce alla forma romboidale del corpo che può ricordare quei foulard con cui le signore coprivano il capo.

Il nome della specie è in omaggio al principe Alfredo di Sassonia-Coburgo-Gotha che, al comando della fregata HMS Galatea, fece con questa nave il giro del mondo. (Gennaio 1867 – giugno 1868).

Il nome italiano specifica che, contrariamente alla sua parente, Manta birostris(da cui è stata riconosciuta diversa solo nel 2009) l’area che più frequenta è quella prossima ai reef.

Zoogeografia

É presente, generalmente a poca distanza dalle coste, in tutte le acque tropicali e subtropicali degli oceani Indiano e Pacifico, compresi il Mar Rosso e il Golfo Persico. Assente invece dall’Atlantico e dalle coste americane del Pacifico dove vive la Manta birostris.

Ecologia-Habitat

La Manta alfredi vive a profondità comprese tra la superficie e 120 m, dove, nuotando, fa incetta di plancton che convoglia nell’enorme “fornace” orale utilizzando due ampie pinne cefaliche.

Sguazzare in questo brodo vivente, oltre che procacciare lauti pasti, può presentare problemi: in questo caso sono dei piccoli parassiti che si aggrappano alla pelle della manta, recandole non poco fastidio. Lei però non si dà per vinta e per sbarazzarsene ricorre talvolta alle maniere forti.

Il ventre è d’un bianco più o meno accentuato, costellato di macchie scure di dimensioni variabili talora molto estese fino quasi al melanismo © Giuseppe Mazza

Il ventre è d’un bianco più o meno accentuato, costellato di macchie scure di dimensioni variabili talora molto estese fino quasi al melanismo © Giuseppe Mazza

La si vede allora compiere balzi spettacolari fuori dall’acqua: il possente corpo, di centinaia di chili, schizza dai flutti e vi ricade con un tonante fragore.

Quando il metodo violento non reca i frutti sperati allora ci si rivolge alle stazioni di pulizia. Queste, a differenza delle nostre stazioni di servizio dove l’automobilista riempie il serbatoio, erogano il pieno agli addetti della stazione, generalmente labridi che, quando il cliente s’accosta alle loro “pompe”, schizzano velocemente sulla “carrozzeria” per ripulirla dagli animaletti che vi si annidano.

Queste macchie, tipiche di ogni esemplare, come impronte digitali, ci hanno permesso di conoscere alcune rotte migratorie e la longevità della specie, di almeno 40 anni © Giuseppe Mazza

Queste macchie, tipiche di ogni esemplare, come impronte digitali, ci hanno permesso di conoscere alcune rotte migratorie e la longevità della specie, di almeno 40 anni © Giuseppe Mazza

Morfofisiologia

La larghezza massima registrata tra gli apici delle pettorali è di 5,5 m, quella media sui 4 m, molto distante dai record della Manta birostrismentre la lunghezza della coda a frusta è in funzione della gentilezza degli squali che la insidiano. Quando è intatta misura circa il 123% della lunghezza tronco-cefalica.

Le due grandi pinne cefaliche allungate in avanti si incurvano come mani palmate e convogliano, a mo’ di un grande imbuto mobile, la zuppa planctonica alla bocca © Sebastiano Guido

Le due grandi pinne cefaliche allungate in avanti si incurvano come mani palmate e convogliano, a mo’ di un grande imbuto mobile, la zuppa planctonica alla bocca © Sebastiano Guido

Il colore del dorso è nero, con zone più chiare sui margini posteriori delle pettorali e, sulla “nuca” dove si incontrano le due maggiori chiazze biancastre provenienti dai lati del capo.

Il ventre è d’un bianco più o meno accentuato ed è costellato di macchie scure di dimensioni variabili, che fotografate e usate come “impronte digitali” del pesce hanno conseguito come risultato l’apprendimento di alcune rotte migratorie, delle distanze percorse e dell’età di qualche esemplare.

Quando capita d’incontrarla sott’acqua, il particolare che colpisce maggiormente è l’incredibile cavità orale che mostra dall’interno le grandi fessure delle branchie e l’intelaiatura cartilaginea della parte dorsale. Considerata un tempo pericolosa, oggi è ritornata nell’immaginario collettivo quel gigante buono che è sempre stato © Sebastiano Guido

Quando capita d’incontrarla sott’acqua, il particolare che colpisce maggiormente è l’incredibile cavità orale che mostra dall’interno le grandi fessure delle branchie e l’intelaiatura cartilaginea della parte dorsale. Considerata un tempo pericolosa, oggi è ritornata nell’immaginario collettivo quel gigante buono che è sempre stato © Sebastiano Guido

Una manta adulta di circa vent’anni, ad esempio, è stata riconosciuta e fotografata vent’anni dopo la prima foto ed ha consentito così di stimare in almeno 40 anni la longevità del pesce.

É capitato inoltre di incontrare esemplari melanici, dal ventre nero con poche macchie bianche.

Una danza rotatoria precede l’accoppiamento. Qui il maschio, in alto, avvicina a una femmina © Giuseppe Mazza

Una danza rotatoria precede l’accoppiamento. Qui il maschio, in alto, avvicina a una femmina © Giuseppe Mazza

Oltre alla maestosità del “volo”, che con lenti colpi d’ala fa compiere al pesce spettacolari manovre, quando la si incontra sott’acqua il particolare che colpisce maggiormente è l’incredibile cavità orale che mostra dall’interno le grandi fessure delle branchie e l’intelaiatura cartilaginea della parte dorsale.

Le due grandi pinne cefaliche allungate in avanti si incurvano come mani palmate e convogliano, come se fossero un grande imbuto mobile, la zuppa planctonica alla bocca.

L’interno del cavo orale ospita circa 300 file di minuscoli denti, delle dimensioni d’una capocchia di spillo che servono ai maschi per trattenere le signore nei momenti di maggiore intimità. La coda a frusta è nuda ed è sormontata nel punto d’inserzione dall’unica piccola pinna dorsale.

Etologia-Biologia riproduttiva

Considerata un tempo un pesce pericoloso che abbracciava con le sue possenti pinne i nuotatori affogandoli, oggi grazie all’evoluzione della scienza subacquea ed al maggior numero di ricercatori “bagnati” questa diceria è stata smentita, e l’animale è ritornato anche nell’immaginario collettivo quel gigante buono che è sempre stato.

Ci sono ancora delle voci di dissenso, ma provengono dagli animali planctonici che effettivamente non hanno tutti i torti, dato che ogni manta ne consuma mediamente una trentina di chili ogni giorno.

L’unica pericolosità nei nostri confronti può scaturire solo da un errato comportamento. Un subacqueo che infastidisse un pesce di così gran mole potrebbe venire colpito da un violentissimo colpo, inflitto anche senza volerlo, da una pinna o dalla coda dell’animale in fuga.

300 file di minuscoli denti, grandi come capocchie di spillo, gli servono per agganciarsi alla pettorale sinistra della femmina e nuotare sovrapposti per l’accoppiamento © Giuseppe Mazza

300 file di minuscoli denti, grandi come capocchie di spillo, gli servono per agganciarsi alla pettorale sinistra della femmina e nuotare sovrapposti per l’accoppiamento © Giuseppe Mazza

Questo dura circa 90 secondi perché il maschio, effettuata la fecondazione interna, deve lasciarla per riprendere i movimenti respiratori © Giuseppe Mazza

Questo dura circa 90 secondi perché il maschio, effettuata la fecondazione interna, deve lasciarla per riprendere i movimenti respiratori © Giuseppe Mazza

Eccolo in piena ventilazione mentre la femmina l’abbandona continuando, con una capovolta, il moto rotatorio dei preliminari © Giuseppe Mazza

Eccolo in piena ventilazione mentre la femmina l’abbandona continuando, con una capovolta, il moto rotatorio dei preliminari © Giuseppe Mazza

Oltre ai parassiti che la affliggono la manta non ha nemici naturali, salvo qualche Squalo tigre (Galeocerdo cuvier) che prova ad amputarle la coda o che ne aggredisce esemplari malconci.

Naturalmente anche l’uomo è un suo predatore. Anche se si tenta di proteggerla con programmi di conservazione, ogni anno vengono massacrate circa 5000, tra mante e specie affini, per produrre il Peng Yu Sai, una zuppa “miracolosa”, fatta con le branchiospine essiccate che avrebbe il potere soprannaturale di purificare il sangue, sconfiggere molte tossine e rafforzare il sistema immunitario.

Le mante sono ovovivipare e questa darà alla luce uno o due piccoli, dopo un periodo stimato tra i 9 e i 12 mesi © Giuseppe Mazza

Le mante sono ovovivipare e questa darà alla luce uno o due piccoli, dopo un periodo stimato tra i 9 e i 12 mesi © Giuseppe Mazza

Se poi si aggiungono le mirifiche guarigioni da varicella e malattie della pelle, il gioco è fatto e purtroppo, quando è l’uomo che gioca, tutti gli animali sono perdenti.

La speranza è che, oltre alle sensazionali virtù già proposte, non salti in testa a qualche gentiluomo orientale di incrementare ulteriormente gli affari, indicando la zuppa di branchiospine come “succedaneo di alcune pillole blu”.

Fortunatamente, oltre agli affaristi, esistono anche programmi come il Manta Trust, che remano in senso inverso per la conservazione di questi giganti.

L’organizzazione ha conseguito risultati importanti quali l’istituzione delle aree marine protette di Hanifaru bay ed Anga Faru, nell’atollo di Baa nelle Maldive, che sono tra i principali siti di riproduzione delle mante (e ora figurano come Riserva della Biosfera dell’Unesco).

In questi siti centinaia di mante iniziano a radunarsi nella stagione delle piogge, quando il clima e le correnti moltiplicano esponenzialmente il brodo di plancton.

I grandi convegni sono preparatori agli accoppiamenti. Uno o più maschi inseguono la femmina che il vincitore feconderà, trattenendone coi denti la punta d’una pettorale. La cerimonia è molto breve, perché il fortunato deve respirare, e si conclude in una novantina di secondi.

Lei poi (che è ovovivipara) darà alla luce uno o due cuccioli, dopo un periodo stimato tra i 9 e i 12 mesi. La resilienza della specie è bassa e il tempo di raddoppio della popolazione può variare dai 4 anni e mezzo ai 14. L’indice di vulnerabilità è altissimo, raggiungendo quota 76 su scala 100.

Sinonimi

Deratoptera alfredi Krefft, 1868; Ceratoptera alfredi Krefft, 1868; Manta fowleri Whitley, 1936; Manta pakota Whitley, 1936.

 

→ Per nozioni generali sui pesci vedere qui.

→ Per apprezzare la biodiversità dei Chondrichthyes, i PESCI CARTILAGINEI cliccare qui.