Acanthurus coeruleus

Famiglia : Acanthuridae.

PEPPINO.gif
Testo © Giuseppe Mazza

 

Il Pesce chirurgo blu dell’Atlantico (Acanthurus coeruleus Bloch & Schneider, 1801), appartiene alla classe degli Actinopterygii, i pesci con le pinne raggiate, all’ordine dei Perciformes ed alla famiglia degli Acanthuridae.

Il nome del genere “acanthurus”, viene dal greco “akantha“, spina, e “ura” = coda, per la spina affilata come un rasoio che questi animali recano sui due lati della coda. Il nome della specie “coeruleus” in latino vuol dire azzurro, ed infatti è blu-azzurro.

Zoogeografia

È uno dei pochi acanturidi presenti nelle acque tropicali della costa atlantica americana. Frequente nei Caraibi, lo si trova dal Brasile alla Florida e in mezzo all’oceano nell’Isola di Ascensione.

Con la sua elegante livrea mimetica di sottili linee spezzate, Acanthurus coeruleus vive nelle acque tropicali della costa atlantica americana

Con la sua elegante livrea mimetica di sottili linee spezzate, Acanthurus coeruleus vive nelle acque tropicali della costa atlantica americana © Giuseppe Mazza

Ecologia-Habitat

Vive nelle formazioni madreporiche e lungo le coste rocciose coperte d’alghe, fra 2 e 40 m di profondità, anche raramente scende sotto i 20 m.

Morfofisiologia

Può raggiungere i 39 cm, ma la taglia media si aggira sui 25 cm. Il corpo è piatto, quasi ovale, con un’unica pinna dorsale molto lunga con 9 raggi spinosi e 26-28 raggi molli.

Il corpo è piatto. Sul colore di fondo blu spicca, ammonendo i predatori, l’astuccio giallo con la lama tagliente del peduncolo caudale

Il corpo è piatto. Sul colore di fondo blu spicca, ammonendo i predatori, l’astuccio giallo con la lama tagliente del peduncolo caudale © Paddy Ryan

L’anale è simmetrica, con 3 spine e 24-26 raggi inermi; le ventrali, di taglia modesta, hanno 1 spina e 5 raggi molli; le pettorali sono relativamente lunghe ed appuntite; la caudale è lunata.

Il colore d’insieme, piuttosto variabile, è blu con sottili linee azzurre spesso spezzate. Caratteristico è l’astuccio giallo, che contiene la lama tagliente, sul peduncolo caudale. Ancora una volta è un avvertimento per i predatori ed i pescatori, che più di una volta si sono feriti alle mani. La bocca mostra due labbra carnose con denti minuscoli, fatti per tagliare le alghe.

Etologia-Biologia Riproduttiva

Si muove in piccoli gruppi, principalmente di giorno. Alla ricerca di vegetali e occasionalmente d’animali, come quando rimuove i parassiti delle Tartarughe verdi (Chelonia mydas).

I giovani, sorprendentemente gialli, vivono in branchi mostrando già un bordino blu sulle pinne anali e dorsali

I giovani, sorprendentemente gialli, vivono in branchi mostrando già un bordino blu sulle pinne anali e dorsali © Paddy Ryan

Le uova sono pelagiche ed i giovani, gialli ma già col bordo blu delle pinne anali e dorsali, formano grandi branchi, spesso frammisti agli Acanthurus chirurgus e Abudefduf saxatilis.

Anche se la carne non è certo pregiata, cade spesso nelle reti per non parlare del triste traffico dei pesci marini per l’acquario domestico. Le sue popolazioni potrebbero raddoppiare in 1,4 – 4,4 anni, ma sono alquanto disperse ed è quindi una specie da sorvegliare con un alto indice di vulnerabilità: 59 su 100.

Sinonimi

Teuthis coeruleus Bloch & Schneider, 1801; Acanthurus broussonnetii Desmarest, 1823; Acanthurus violaceus Castelnau, 1855; Acanthurus brevis Poey, 1860; Acronurus caeruleatus Poey, 1875; Teuthis helioides Barbour, 1905; Hepatus pawnee Breder, 1927.

 

→ Per nozioni generali sui pesci vedere qui.

→ Per apprezzare la biodiversità degli Osteichthyes, i PESCI OSSEI, e trovare altre specie, cliccare qui.