Pritchardia thurstoni

Famiglia : Arecaceae


Testo © Pietro Puccio

 

Pritchardia thurstoni, Arecaceae

La Pritchardia thurstonii è una specie che cresce in fitte colonie, su rocce di arenaria corallina, alle isole Fiji © Giuseppe Mazza

La specie è originaria delle Fiji (isolotti Sovu, Ogea e Vulaga) e Tonga (‘Eua) dove cresce in fitte colonie su rocce di arenaria corallina, pressoché prive di altra vegetazione, in un clima caratterizzato da alte temperature e forti venti salmastri, dal livello del mare fino a circa 300 m di altitudine.

Il genere è dedicato al primo console britannico alle Fiji (1858) William Thomas Pritchard (1829-1907), la specie a Sir John Bates Thurston (1836-1897), che ricoprì diverse cariche istituzionali nelle Fiji, compresa quella di Governatore.

Appassionato di botanica, a lui si deve la fondazione dei Suva Botanical Gardens, chiamati poi in suo onore Thurston Gardens.

Nomi comuni: dwarf Fiji fan palm, Fiji fan palm, Lau fan palm, Thurston’s fan palm (inglese); masai, niu sawa, viu (Fiji).

La Pritchardia thurstonii F.Muell. & Drude (1887) è una specie solitaria, inerme, ermafrodita, che può raggiungere 15 m di altezza nei vecchi esemplari in natura, ma che in coltivazione non supera 6-8 m, con fusto eretto, di 18-20 cm di diametro, grigiastro, segnato dalle cicatrici anulari ravvicinate delle foglie cadute e fessurato longitudinalmente.

Le foglie, su un picciolo tomentoso, lungo 0,8-1 m, sono costapalmate, induplicate, pressoché semicircolari, di 1,5-2,5 m di larghezza, divise per 1/3-1/4 della loro lunghezza in segmenti rigidi bifidi all’apice, di colore verde intenso e ricoperte da una leggera pruina glauca.

La pagina inferiore della foglia è percorsa da minuscole scaglie (lepidia) disposte su linee parallele, che sono un carattere distintivo della specie.

Infiorescenze a pannocchia tra le foglie (interfogliari), compatte, con ramificazioni di secondo-terzo ordine, poste all’estremità di un peduncolo arcuato, pendente in frutto, lungo 1,8-2,5 m, che si proietta ben oltre la corona di foglie.

Pritchardia thurstoni, Arecaceae

Molto ornamentale, non supera in coltura gli 8 m, con lunghe infruttescenze pendule, prima dorate e poi rosse © Giuseppe Mazza

Fiori sessili ermafroditi, lunghi 0,7-0,8 cm, di colore giallo chiaro, con calice tubolare leggermente trilobato, 3 petali, uniti alla base, decidui al momento della fioritura, 6 stami e gineceo tricarpellato.

Frutti globosi, che si sviluppano da un solo carpello, di 6-7 mm di diametro, di colore rosso vivo a maturità, contenenti un solo seme globoso di circa 4 mm di diametro.

Si riproduce per seme, preventivamente immerso in acqua per 3 giorni, in terriccio drenante mantenuto umido alla temperatura di 28-30 °C, con tempi di germinazione di 2-4 settimane.

Fra le più ornamentali e particolari del genere, per le lunghe infruttescenze pendenti, è stata introdotta in numerosi paesi tropicali e subtropicali, utilizzata isolata o in gruppo in parchi e giardini o in filari ai margini di strade e viali. In alcune regioni, come la Florida, dove si era velocemente diffusa a scopo ornamentale, la sua presenza si è notevolmente ridotta essendo risultata suscettibile a una malattia causata da fitoplasmi, nota come “declino letale“ (lethal decline), presente nel territorio, che attacca altre palme.

Richiede pieno sole, anche se può sopportare una leggera ombreggiatura, e temperature mediamente elevate, non resistendo a valori prossimi a 0 °C, se non eccezionali e per brevissimo periodo. Si adatta a vari tipi di suolo, da leggermente acido a leggermente alcalino, purché drenante, e resiste ai venti salmastri. Innaffiature regolari, ma senza ristagni, che possono causare marciumi, e concimazioni con prodotti bilanciati arricchiti con microelementi per evitare problemi di clorosi.

Per la limitata area di origine e la frammentazione delle popolazioni, in continuo declino, la specie è stata inserita nella Lista rossa della IUCN (International Union for Conservation of Nature) come “Vulnerable” (specie a rischio di estinzione in natura).

Sinonimi: Washingtonia thurstonii (F.Muell. & Drude) Kuntze (1891); Eupritchardia thurstonii (F.Muell. & Drude) Kuntze (1898); Styloma thurstonii (F.Muell. & Drude) O.F.Cook (1915).

 

→ Per apprezzare la biodiversità all’interno della famiglia delle ARECACEAE e trovare altre specie, cliccare qui.